CONSUMARE PREFERIBILMENTE
IN BUONA COMPAGNIA

Per accedere devi essere maggiorenne.
Inserisci la tua data di nascita.

Torna al ricettario

Scopri le ricette della tradizione italiana dalla A alla Z

Scopri le ricette della tradizione italiana dalla A alla Z
Birra Moretti
Q

Q come Quadretti alla Bazzanese

Q come Quadretti alla Bazzanese

Porzioni: 4 – Preparazione: 60 min. – Cottura: 45 min.

Ingredienti

  • Quadretti freschi all’uovo 350 g
  • Carota 1
  • Cipolla 1
  • Sedano 1 gambo
  • Prezzemolo 1 mazzetto
  • Patate 2
  • Parmigiano grattugiato 70 g
  • Pancetta macinata (oppure carne grassa di maiale macinata) 80 g
  • Passata di pomodoro 100 ml
  • Brodo di carne 1 l
  • Olio extra vergine d’oliva 50 ml
  • Sale qb
  • Pepe nero qb

Preparazione

  1. Prendete una pentola antiaderente alta e rosolate con olio extra vergine di oliva la pancetta macinata.
  2. Tritate finemente la cipolla, il sedano e la carota e aggiungete il tutto alla pancetta, cuocendo per 10 minuti a fuoco vivo.
  3. Versate la passata di pomodoro e lasciate cuocere con coperchio per 20 minuti.
  4. Intanto fate bollire le due patate con la buccia. Una volta cotte, pelatele e schiacciatele in una fondina con una forchetta fino ad ottenere un purè.
  5. Ora aggiungete alla carne il purè di patate e il brodo e portate tutto a ebollizione.
  6. Aggiungete sale e pepe a piacere.
  7. Versate nella zuppa i quadretti di pasta fresca e fateli cuocere per 3 minuti.
  8. Servite la minestra calda in una zuppiera e cospargete abbondantemente con il parmigiano grattugiato e una spolverata di prezzemolo fresco tritato.

Curiosità

I quadretti alla bazzanese sono un piatto tipico della cucina Bolognese, che era stato quasi completamente dimenticato. Solo recentemente in occasione della nascita di movimenti per la promozione dello slow food e il recupero delle tradizioni culinarie italiane, il Comune di Bazzano ha deciso di promuovere una serie di iniziative ed eventi per omaggiare il prodotto pasta e la tradizione che vide, nel ‘900, la nascita sul territorio di ben quattro pastifici artigianali, con l’obiettivo di scoprire e ricordare usi, costumi, storia, segreti e ricette di un prodotto dalle origini millenarie.