CONSUMARE PREFERIBILMENTE
IN BUONA COMPAGNIA

Per accedere devi essere maggiorenne.
Inserisci la tua data di nascita.

Torna al ricettario

Scopri le ricette della tradizione italiana dalla A alla Z

Scopri le ricette della tradizione italiana dalla A alla Z
Birra Moretti
T

T come Taralli

T come Taralli

Porzioni: circa 80 taralli – Preparazione: 60 min. – Cottura: 80 min.

Ingredienti

  • Farina tipo “00” 1 kg
  • Olio extra vergine d’oliva 300 ml
  • Sale 30 g
  • Vino bianco secco 300 ml

Preparazione

  1. Versate la farina in una capiente ciotola o in una planetaria, aggiungete sale, olio e vino. Impastate il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo. Coprite la ciotola con uno strofinaccio e lasciate riposare per 20 minuti.
  2. Dall’impasto ricavate delle striscioline spesse circa 1 cm e lunghe 15 cm. Date alle striscioline la tipica forma tondeggiante del tarallo e unitene le estremitá.
  3. Portate a ebollizione una grossa pentola di acqua salata. Prendetene 5 o 6 alla volta ed immergeteli nell’acqua.
  4. Scolateli con l’aiuto di una schiumarola appena vengono a galla.
  5. Stendeteli su uno strofinaccio e fateli asciugare per qualche minuto. Nel frattempo scaldate il forno a 200°, posizionate i taralli su una teglia da forno oliata, prestate attenzione che non si tocchino l’uno con l’altro. Infornate per 40 minuti.
  6. Lasciate raffreddare e servite a temperatura ambiente.

Curiosità

Cibo tipico e di rappresentanza della Puglia, con la sua forma circolare e la sua doratura perfetta ci ricorda il sole del sud Italia. Ideato da una madre alla ricerca della perfetta soluzione per sfamare i suoi figli, affamati durante il giorno, e non deludere il marito, che si aspettava il pane in tavola al ritorno dal lavoro. Così il tarallo veniva ricavato da piccoli avanzi di pasta di pane. Oggi il tarallo è un alimento immancabile su tutte le tavole pugliesi.